Accordo Quadro Confindustria - Space 2000 spa per fornitura mascherine medicali e 3 strati

Emergenza coronavirus

Sostenere la continuità produttiva e tutelare la salute dei lavoratori sono le finalità dell’intesa siglata da Piccola Industria, nell’ambito dell’attività del PGE, e il Commissario straordinario per l’emergenza.

L’intesa semplifica le procedure di sdoganamento di DPI e mascherine chirurgiche ordinate dalle associate tramite specifici Accordi Quadro stretti da Piccola Industria con produttori ad elevata capacità produttiva/importatori. Questi Accordi prevedono la donazione del 20% dell’ammontare totale di DPI e mascherine chirurgiche ordinate dalle imprese, che viene messo a disposizione del Commissario dall’importatore dopo che quest’ultimo ha effettuato gli opportuni controlli di conformità. E' comunque possibile effettuare ordinativi da donare interamente, sempre tramite il Commissario, a sostegno della capacità del Paese di rispondere al Covid19.

In tale contesto si allegano offerta e condizioni di vendita relative all’Accordo Quadro di Piccola Industria Confindustria e Space 2000 S.p.A.

TIPOLOGIA

Mascherine medicali

PREZZO UNITARIO

0.85 + iva

LOTTO

30.000

ORDINE MINIMO

2000.  pack 5/10/50 pcs

TIPOLOGIA

Mascherine 3 strati 

PREZZO UNITARIO

0,70 + iva

LOTTO

30.000

ORDINE MINIMO

2.000.  pacchi da 10 mascherine

MODALITÀ DI ORDINE

le richieste dovranno essere inviate direttamente all’email: mascherine@space2000spa.com e in copia anche a fornituracovid@confindustria.it e a segrini@uivco.vb.it indicando inoltre l’appartenenza all’Unione Industriale del VCO e in oggetto "Accordo Piccola Industria Confindustria".

MODALITÀ DI PAGAMENTO

Il pagamento avverrà prima della consegna, dietro l’invio di fattura proforma, ma dopo la presentazione dei documenti di sdoganamento

ULTERIORI INFORMAZIONI

Le forniture saranno eseguite fino all’esaurimento delle predette quantità e in caso di ordini superiori alla quantità disponibile, la Società stabilirà le modalità di ripartizione dei quantitativi tra le richieste ricevute e non evase con Confindustria al fine di dare priorità ad aziende del settore sanitario e ad aziende produttive ed evitando comportamenti speculativi di rivendita.

L’Ufficio Economico della scrivente resta a disposizione per ogni eventuale chiarimento necessario.


08 aprile 2020

Condividi