Analisi Congiunturale IV° trimestre 2021

Ufficio studi e ricerche

L’indagine congiunturale trimestrale condotta tra le Aziende associate all’Unione Industriale del Verbano Cusio Ossola, relativa al terzo quarto 2021, fornisce la conferma del clima di fiducia delle nostre aziende ormai in atto dal secondo trimestre del 2021: si mantengono infatti in territorio positivo tutti i principali indicatori oggetto dell’analisi, con un’ulteriore crescita di quello riguardante l’occupazione.

Il saldo ottimisti-pessimisti relativo alla variabile occupazionale infatti passa da un valore nullo registrato nel terzo trimestre 2021 a +12,8 nel quarto 2021: se per circa l’80% delle aziende interpellate il dato occupazionale rimarrà invariato, va segnalato come il 16,1% delle aziende ne prevede un incremento. Si mantiene sui livelli contenuti delle scorse rilevazioni il dato relativo alla previsione di ricorso alla cassa integrazione guadagni, passando dal 15,4% del trimestre luglio-settembre al 16,1% di ottobre-dicembre 2021.

Il valore relativo alla produzione industriale passa da +33,4 di luglio-settembre 2021 a +22,5 del quarto trimestre 2021: quasi il 30% delle aziende interpellate preveda un aumento della propria produzione, che resterà invece sui livelli del terzo trimestre 2021 per il 64,5% delle aziende interpellate.

Si mantengono su livelli elevati – anche se in lieve flessione rispetto agli scorsi trimestri - i valori dei saldi relativi alle previsioni sugli ordinativi: quelli totali passano dal +30,8 del terzo trimestre 2021 al +25,8 del quarto trimestre 2021, mentre quelli relativi all’export passano da +22,8 di luglio-settembre 2021 a +14,4 di ottobre-dicembre 2021.

In lieve calo – ma saldo sempre positivo - anche il dato relativo alla redditività delle aziende intervistate, che passa da +17,9 di luglio-settembre 2021 a +9,6 di ottobre-dicembre 2021: nello specifico, il 16,1% delle aziende prevede un miglioramento della propria situazione reddituale, che invece resterà invariata circa il 77% degli interpellati.

Per quel che concerne infine il dato relativo alla propensione ad investire da parte delle aziende dell’Unione Industriale del VCO, assistiamo ad un lieve peggioramento della situazione registrata nella scorsa rilevazione: circa il 70% delle aziende interpellate (erano il 79% nel terzo trimestre 2021) dichiara di prevedere investimenti per fine 2021, che saranno significativi per il 19,4% degli interpellati.

Passando all’analisi dei dati a consuntivo relativi al terzo trimestre 2021, si mantiene sui livelli dell’ultima rilevazione il dato relativo al grado di utilizzo degli impianti, pari al 82,3% a fronte dell’82,1% registrato nel secondo trimestre 2021, mentre si contrae leggermente il dato relativo al carnet ordini, poiché la percentuale di aziende che dichiara ordinativi superiori ai 3 mesi passa dal 46,1% registrato nel secondo trimestre 2021 al 38,7% del terzo trimestre 2021.

Si mantengono sui livelli registrati nella scorsa rilevazione i tempi di pagamento medi nel caso di rapporti tra privati (circa 76 giorni, tre in più rispetto a quanto registrato nello scorso trimestre), mentre diminuiscono quelli nel caso di clientela rappresentata da enti pubblici, passando da 102 a 98 giorni.

Infine, diminuisce il numero di aziende che lamenta ritardi negli incassi, passando dal 23,1% registrato nel secondo trimestre 2021 al 19,4% del terzo trimestre 2021.

L'Ufficio Economico della scrivente resta a disposizione per ogni eventuale chiarimento necessario.


21 settembre 2021

Condividi