Interessi di mora - Saggio per il semestre gennaio - giugno 2019

Ufficio studi e ricerche

Informiamo le Aziende associate che è stato pubblicato il Comunicato del Ministero dell'economia e delle finanze (MEF), che indica il saggio degli interessi da applicare a favore dei creditori in caso di ritardo dei pagamenti nelle transazioni commerciali (articolo 5 del decreto legislativo n. 231/2002).

Per il semestre che va dal 1° gennaio al 30 giugno 2019 il tasso di riferimento – ossia il tasso di interesse applicato dalla Banca centrale europea (BCE) alle sue più recenti operazioni di rifinanziamento principali – per il calcolo degli interessi legali di mora è pari allo 0%. Ai fini del calcolo degli interessi legali di mora, è necessario aggiungere al tasso di riferimento una maggiorazione fissa.

Al riguardo, si sottolinea che per le transazioni (contratti comunque denominati) concluse a partire dal 1° gennaio 2013, tale maggiorazione è stata aumentata da 7 a 8 punti percentuali, a seguito delle modifiche apportate al d. lgs. n. 231/2002 dal decreto legislativo n. 192/2012 (di recepimento della direttiva “Late Payments” n. 2011/7/UE). Pertanto, in caso di ritardo di pagamento, a tali transazioni si applica un tasso di interesse legale di mora pari all'8,00%.

Gli interessi legali di mora decorrono, senza che sia necessaria la costituzione in mora, dal giorno successivo alla scadenza del termine per il pagamento.

Si allegano di seguito i tassi di riferimento fissati dall'entrata in vigore della normativa fino a oggi.

Interessi di mora-1.pdf


31 gennaio 2019

Condividi