Richiesta collaborazione sistema bancario per attuazione interventi previsti dal Decreto Liquidità

Unione Industriale VCO

Informiamo le Aziende associate che la scrivente, al fine di sensibilizzare il sistema bancario affinchè fornisca tempestivamente al sistema industriale la liquidità garantita dallo Stato ai sensi del “Decreto Liquidità”, ha recentemente inoltrato ai principali istituti di credito presenti nella nostra provincia la seguente nota a firma del Presidente Setaro:

Gli interventi messi in campo dal Governo, in particolare quelli previsti dal Decreto n. 23 dell’8 aprile (c.d. “Decreto Liquidità”), rappresentano misure nel complesso condivisibili - anche se ancora insufficienti - per fornire al sistema industriale italiano quella liquidità necessaria almeno per affrontare la fase emergenziale legata all’emergenza sanitaria, che è di fatto diventata anche emergenza economica.

L’efficacia delle suddette misure è legata ad uno sforzo straordinario da parte di tutti gli attori coinvolti, per accelerare l’implementazione delle misure di sostegno: anche a seguito delle autorizzazioni già fornite dalla Commissione Europea, occorre procedere speditamente con la concessione delle garanzie.

Da parte nostra, abbiamo messo in campo una struttura informativa massiccia, finalizzata a dotare le aziende associate di tutti gli strumenti necessari per presentarsi al sistema bancario nelle migliori condizioni possibili in termini di conoscenza di quanto previsto dal Decreto Liquidità: le aziende ci hanno in più occasioni segnalato di avere necessità che la liquidità venga erogata al più presto, al fine di poter garantire alle stesse la sopravvivenza nel breve periodo.

Molti istituti bancari si stanno responsabilmente adoperando per assecondare la filosofia alla base del Decreto, ed apprezziamo molto le indicazioni fornite dall’ABI con il richiamo all’immediato impegno attuativo delle banche, ma come rappresentanti del sistema imprenditoriale della provincia continueremo a monitorare la risposta del sistema bancario, e di rimarcare eventuali problematiche non imputabili direttamente alle nostre associate: in questo periodo di estrema emergenza, chiediamo davvero uno sforzo estremo da parte di tutti, dal momento che a rischio c’è la sopravvivenza di molte imprese, soprattutto di quelle di minori dimensioni.

L’Ufficio Economico della scrivente resta a disposizione per ogni eventuale chiarimento necessario.


06 maggio 2020

Condividi